Flusso di coscienza - Flusso di coscienza

Flusso di coscienza di Tito Faraci

RSS Feed

Astenersi animi candidi

 

Passate un buon fine settimana. Va bene anche tranquillo. Di quanto ami questo disco dei Prodigy, vi ho già parlato in lungo e in largo. Ma, lo so, tendo a ripetermi.

Commenti

La domanda è: Questo pezzo ci piacerebbe lo stesso, anche senza l'ausilio del bel film con ottimo colpo di scena finale, oppure senza video (che è un po' come dire senza chimica) ci risulterebbe quello che è, ossia brutta musica suonata solamente con la batteria (Jannacci)? Io, dopo più di dieci anni, non sono ancora riuscito a rispondermi.
Caro Fausto, che oggi cerca di fare a botte... sappi che questo pezzo mi esaltava ben prima che anche solo sapessi dell'esistenza del video. È un pezzo potente, sinistro e raffinato, che mescola molte cose e lo fa bene. Non a caso messo in apertura di quel disco tanto importante. L'ho risentito centinaia di volte, cogliendoci sempre dentro qualcosa di nuovo. Certo, l'audio qui - a sentirlo su questo video, sugli altoparlantini del computer - è davvero pessimo. Ci sarebbe da riflettere su come sentiamo spesso la musica male, nell'era di youtube e degli mp3. Va a finire che, appunto, di un brano pieno di cose resta soltanto la batteria. Ti voglio bene lo stesso, però.
Anch'io ti voglio bene. Il dubbio, tuttavia, mi rimane.
Oh, be', malgrado tutte le seghe mentali (retaggio degli anni da giornalista musicale, forse)... io credo in un approccio istintivo alla musica. Voglio dire: posso spiegarti con mille parole perché, secondo me!, un pezzo è bello e/o importante, ma non posso fartelo piacere. Non posso pretenderlo. Quello che chiedo, anche ai miei figli, e di non accontentarsi di ciò che ti propinano. Di cercare, di sforzarsi. Ne vale la pena.
PS Chiaro che ne tuo caso non c'è bisogno di chiedere nulla.
Difatti la mia domanda era "perché CI piace". Perché questi bastardi piacciono anche a me. Non sono però mai riuscito a togliermi del tutto dal cervello la fastidiosa sensazione che mi stiano anche fottendo. Che mi stiano vendendo - come direbbe Tom Waits - un buco di culo di topo facendomi credere che è un anello di nozze.
Ma va', quelli fanno (o almeno facevano, al loro apice) il gioco opposto: sembrare cazzoni da discoteca, e invece essere sofisticati intellettuali. (Per dire, Liam Howlett è un ex bambino prodigio, che suonava il pianoforte a due anni e arriva dalla musica classica.)
E che vuol dire? Anche Sandro Bondi era comunista. (Ah! Ah! Questa te la sei andata cercando…)
Sciocco! (eh, eh.)
Bel video che non conoscevo! Non entro nella discussione sulla qualità del brano, dei Prodigy non so nulla di nulla, ma il video mi ha molto divertito. Di che anno è? Giuseppe
Barano! Le mani dell'inizio sono certamente di un ragazzo!
97? Però, avantissimi! Bravi! Anche il video? Avrei giurato metà anni 2000.