Successivo » « Precedente

Sotto scorta

Tex0616

 

Alcune cose sul Tex in edicola in questi giorni...

Sotto scorta è la prima parte di una storia in due albi. Il titolo di lavorazione era Diluvio di piombo. Rendeva l'atmosfera, ma, be', non era particolarmente originale. 

È una storia di Tex solista. Nei primi tempi in cui lavoravo alla serie, avevo valutato che quel tipo di avventure poteva rappresentare una mia "nicchia", poco esplorata dai miei colleghi. Non che avessi particolari problemi nei confronti dei pards - Kit Carson, Tiger Jack e Kit Willer - ma, semplicemente, mi era sembrata una scelta strategica. Tempo è passato, e il mio spazio nella serie è aumentato (mi sembra ancora incredibile: scrivere Tex!). E, al momento, sto sceneggiando soprattutto storie in cui Tex è accompagnato da almeno un pard. Addirittura, ne ho messa da poco una in cantiere con il quartetto al completo.

Va detto che Sotto scorta si basa su un soggetto che non funzionerebbe se Tex fosse affiancato da altri pard. Ha bisogno di essere solo.

Ho un debole per Raul e Gianluca Cestaro. Mi sembra sempre che abbiano raggiunto il massimo, e poi riescono ancora a migliorare! Sono stato il primo sceneggiatore in Sergio Bonelli Editore a lavorare con loro, ai tempi di Nick Raider. Non l'unico, perché hanno disegnato una storia di Nizzi, ma quasi. Ricordo che, in un episodio di Nick Raider, ero riuscito a infilare un ranch e un bel po' di cavalli. Io e Renato Queirolo, portentoso editor di quella testata, eravamo già convinti che i due fratelli avrebbero potuto passare a Tex. Così quella è stata una sorta di prova generale. Superata.

Vorrei infine ringraziare Claudio Villa. Non solo per avere disegnato magnificamente le copertine dei due albi che compongono la storia, ma anche per avermi dato qualche preziosissimo consiglio mentre la sceneggiavo. In un paio di casi, mi ha aiutato a uscire vivo (e non troppo infangato) dalle sabbie mobili. 

 

 

Commenti

il buon vecchio Nick Raider numero 175, che salto nei ricordi per me. anche se il tuo Nick che ricordo più bello in assoluto è Amore e Rabbia con i disegni stupendi di Leomacs. of course avrò in carrello spesa anche questo tex

Ehilà Pard!
Siamo sulla stessa barca! Parlando della cover, non capisco se sono diventato daltonico, ma non ricordo di aver coorato le suole di grigio...mah.
Sono curioso anch'io di leggerla.

E' arrivato il nostro turno, Tito. E Ora la parola ai lettori, con la serenità di aver cercato di fare del nostro meglio su queste tavole ..Grazie per le belle parole, e per il debole che dici di avere per il nostro lavoro, nonostante la nostra lentezza abbia tutto il diritto di snervarti, eheheh...

Hellspam, anche io ricordo NR con grande piacere (anche se era una grande fatica).
Claudio, spero che riuscirai a divertirti, malgrado molte sorprese della storia per te non saranno tali.
Raul, tu e Gianluca avete fatto un garnde lavoro. È valso l'attesa. (Ma, la prossima volta, mi raccomando...)

Ciao Tito.

Assolutamente ottimo questo ultimo albo, che deve molto ai Cestaro, che esaltano le specificità della trama.

Sono curioso di vedere come te la caverai a mettere tutti i parda in piazza, perché in effetti anch'io - come tutti i lettori attenti di Tex, ritengo - m'ero accorto della tua predilezione per le storie in solitaria.

Un abbraccio,
Fabio

PS: traditore: hai abbandonato del tutto il tuo personaggio per Segretissimo, mi sa...

Ho aspettato il secondo per leggere tutta la storia difilato, come al solito.

Bella sceneggiatura, molto asciutta, lascia tanto spazio ai disegni ed al silenzio tra gli spari.

Bravo Faraci e bravi i Cestaros.

E bravo Villa nel contrapporre una copertina ferma nell'attesa ad una tra le più concitate delle sue.

Scrivi un commento