Flusso di coscienza - Flusso di coscienza

Flusso di coscienza di Tito Faraci

RSS Feed

Ricordando David

 


David Carradine 

Hollywood, 9 dicembre 1936 – Bangkok, 3 giugno 2009

.

Commenti

mi ricordo di questo film solo per questa scena della metafora di superman....mi stupì molto quando la sentii...perchè non ci avevo fatto mai caso,considerare superman il vero supereroe,perchè è un alieno,e per lui la vera difficoltà è essere fra la gente,come una persona normale.... ho sempre sottovalutato superman,preferendogli l'oscurità e il mistero notturno di batman....ma,riflettendoci meglio,mi accorgo che batman è un miliardario semi-angosciato iper-tecnologico,superman invece si è accontentato di fare il giornalista,e anche lì non ha raggiunto il vertice,visto che c'è sempre una certa lois lane che che sta immancabilmente una spanna sopra di lui....
Probabilmente al signor Carradine piacerebbe questo modo di ricordarlo come in una veglia irlandese, citando i suoi monologhi. Detto questo, non condividiamo l'analisi di Bill/ Tarantino sull'uomo d'acciaio. Kent non è il modo in cui Kal El vede i terrestri e non lo è mai stato nelle intenzioni di Siegel & Shuster. Superman è un americano di provincia con solidi ideali contadini, per caso nato altrove. Dal punto di vista narrativo il tutto è giustificato dal fatto che il bimbo kriptoniano è stato allevato da due onesti fattori, senza grilli per la testa. Batman, invece, è un bimbo di nove anni che, per la prima volta in vita sua, non è più al sicuro: ha avuto paura e decide di terrorizzare chi lo ha spaventato - ecco il perchè del travestimento a la Dracula e dei gadgets. In questo caso, Bruce Wayne è una maschera di cartapesta utile a Batman per la sua missione. Paradossalmente Superman è un personaggio più umano di Batman.
La vedo come Crepascolo.