Flusso di coscienza - Flusso di coscienza

Flusso di coscienza di Tito Faraci

RSS Feed

Le mie faccine preferite

Facebook_2

Su questo libro, da ieri in edicola, sono largamente citato (come “conosciutissimo autore di fumetti”, perdinci!) nel capitolo sui pentiti di Facebook. Cosa di cui vado fiero, e per la quale ringrazio l’ottimo “vicino di casa” Giovanni De Paola.
Per la precisione, si fa riferimento a QUESTO mio intervento.


Comunque, il libro è tutto interessante. E, se frequentate i blog di Nova 100, respirerete una bella, salutare aria di casa.
Quanto mi sono simpatiche le faccine qui in basso, a destra! Altro che quelle di FB…
Io ormai questi sorridenti e/o ammiccanti signori li considero tutti miei amici. Senza nemmeno bisogno di chiederglielo, pensate un po’.

Commenti

Anche qui: http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Tecnologia%20e%20Business/2008/11/facebook-motivi-abbandono.shtml?uuid=004c5914-bc55-11dd-a7e6-159b8087b4f8&DocRulesView=Libero
caro tito, avevo sentito di questo libro proprio su radio24 (la mia prima 'frequenza'...). non l'ho acquistato solo perché facebook non mi garba né mi è mai garbato. a differenza di altre piattaforme... ne avevo parlato giusto qualche giorno fa, qui: http://infumo.blogspot.com/2008/12/ho-scoperto-flickr.html
Bel blog, Gianluca.
beh, detto da te, tito, è come fosse un complimento vero. amo lo spippolamento telematico e avevo un blog 'only comics'. per scappare da quello ne ho creato un altro. ma alla fine, non volendo parlare dei cazzi miei, che desidero tenere ben lontani dalle 'commiuniti' (di qualunque ordine, genere e caso), mi ritrovo lo stesso a parlare di fumetti e affini. pereò, almeno stavolta, di fronte alle divagazioni 'altre' sento di avere un alibi. perché mi posso dire finalmente un 'blogghettaro generalista'. ...
Ieri ho sentito mio padre al telefono, e lui se la rideva di gusto al sentire che un conoscente "mi aveva chiesto l'amicizia" su Facebook (parole di questo ragazzo, non mie)... In effetti mio padre non ha tutti i torti. Fa un po' ridere.